Ransomware Petya “bucato”, file crittografati restituiti senza riscatto

 

Arriva una buona notizia, il “potente” Ransomware definito Petya è stato crakkato da un utente. Giusto per chi ancora non conoscesse il Ransomware è un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione.

Di Petya ci eravamo occupati qualche giorno fa in questo articolo

La novità di queste ore è che la chiave crittografica usata per cifrare il contenuto della MFT può essere recuperata autonomamente.

Alcuni ricercatori, infatti, hanno scoperto che la chiave di decodifica, il cui inserimento è fondamentale per recuperare i file in “ostaggio” del malware, può avere una lunghezza compresa fra 16 e 73 ma solamente i…
Leggi l’intero articolo su: http://www.chiccheinformatiche.com/ransomware-petya-bucato-file-crittografati-restituiti-senza-riscatto/



Altri post interessanti:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *